Clicca

PERCORSI E VISITE CONSIGLIATE PER CONOSCERE LA VALLE DI SCALVE
a cura di Maurilio Grassi

Introduzione

Le alluvioni hanno una storia antica
L'antica piana di fondovalle
La frana "Pasquai"
Mi piego …e a volte mi spezzo
Libri di pietra
L'ingegneria naturalistica avanza
Anche il ghiaccio ha fatto la sua parte
L'architettura delle montagne
Del ferro e del fuoco
La storia del pianeta registrata nella pietra
Il ciclo dell'acqua
Il suolo sotto i piedi
Riserva Boschi del Giovetto

Il ciclo dell'acqua (12)

Rocce impermeabili e venute d'acqua

Al fondo di questo piccolo impluvio affiorano ancora i calcari marnosi neri e le marne della Formazione del Calcare di Prezzo. La formazione è organizzata con strati di calcare dello spessore di 5-3 cm. Nelle rocce dell'impluvio sono bene evidenti le fratture che scompongono gli strati di calcare in piccoli frammenti di forma regolare, delle dimensioni dell'ordine di 5-10 centimetri. Anche queste fratture, come le pieghe, si sono originate in seguito alle deformazioni che le rocce hanno subito durante la formazione della catena alpina.
Nono stante le piccole dimensioni del proprio bacino idrografico, questo impluvio, è percorso dall'acqua per quasi tutto l'anno. L'impluvio è alimentato da sorgenti che portano in affioramento le acque sotterranee in corrispondenza del limite di permeabilità rappresentato dalle marne del Calcare di Prezzo. In ragione della loro portata, queste sorgenti, hanno un bacino di alimentazione relativamente ampio, che probabilmente si estende fino alla vicina valle Nena.
A valle delle sorgenti, la presenza continua di rocce relativamente impermeabili, impedisce all'acqua di infiltrarsi nuovamente in profondità.
L'orientamento degli strati di roccia sedimentaria, influenza il percorso dell'acqua piovana. Nel primo caso l'acqua raggiunge la falda filtrando attraverso gli strati calcarei permeabili. Nel secondo caso, gli strati impermeabili, deviano l'acqua verso la superficie, facendola riaffiorare sotto forma di fontanili o di ruscelli che si formano nelle vallette sottostanti. (Foto 31)

Glossario

Il ciclo dell'acqua

Il vapore d'acqua che si leva nell'aria fredda, si condensa in minuscole gocce. Se l'aria è molto fredda, si possono trasformare in ghiaccio. Il calore del sole fa evaporare l'acqua sia dalla terra sia dal mare, trasformandola in vapore acqueo invisibile. I fiumi riportano l'acqua al mare. Miliardi di goccioline d'acqua formano una nuvola e le goccioline all'interno della nuvola si uniscono formando gocce più grosse. Quando sono abbastanza grosse e pesanti, cadono come pioggia o neve. Parte della pioggia scorre sul terreno e finisce nei fiumi e nei torrenti.
Una parte dell'acqua penetra nel terreno attraverso rocce porose e va ad alimentare la falda. (Foto 32)

programmazione: www.scalve.it